Stagione 2

Etna questo vulcano cosi...birichino!!!

Etna questo vulcano cosi...birichino!!!

Theresa Eccher nasce dall’amore per il vino e per l’Etna. Un percorso che Daniela Conta Eccher e suo marito Andrea Panozzo hanno iniziato “da grandi”, con lo spirito di quando erano ragazzi. Magari anche pensando che forse uno dei loro quattro figli avrebbe avuto voglia di condividere questa magnifica avventura. La prima vendemmia imbottigliata è stata quella del 2011: nasceva Altero, Etna doc Rosso di straordinario carattere. Un cru prefillossera allevato in Contrada Pontale Palino, Solicchiata di Castiglione di Sicilia, sul versante Nord della Montagna a 800 metri di altitudine. Sono seguiti Alizée, Etna Bianco, ER, Etna Rosso da un vigneto molto più giovane, e da ultimo, nel 2017, Ariel, Etna Rosato. Tutti nell’area forse più vocata della Denominazione di Origine: il mitico Nord, dove le colate laviche hanno lasciato ferite non sempre rimarginate tra le case e i vigneti. Non sono siciliani, Daniela e Andrea; vengono dal Trentino (Eccher non è certo un cognome meridionale) nel cuore della Val di Non, e da Venezia. Ma la gente dell’Etna li ha accolti con grandissimi affetto e disponibilità

Theresa Eccher

sicilia etna sicilia eccher mascalese catarrato
Descrizione: 

Theresa Eccher nasce dall’amore per il vino e per l’Etna. Un percorso che Daniela Conta Eccher e suo marito Andrea Panozzo hanno iniziato “da grandi”, con lo spirito di quando erano ragazzi. Magari anche pensando che forse uno dei loro quattro figli avrebbe avuto voglia di condividere questa magnifica avventura. La prima vendemmia imbottigliata è stata quella del 2011: nasceva Altero, Etna doc Rosso di straordinario carattere. Un cru prefillossera allevato in Contrada Pontale Palino, Solicchiata di Castiglione di Sicilia, sul versante Nord della Montagna a 800 metri di altitudine. Sono seguiti Alizée, Etna Bianco, ER, Etna Rosso da un vigneto molto più giovane, e da ultimo, nel 2017, Ariel, Etna Rosato. Tutti nell’area forse più vocata della Denominazione di Origine: il mitico Nord, dove le colate laviche hanno lasciato ferite non sempre rimarginate tra le case e i vigneti. Non sono siciliani, Daniela e Andrea; vengono dal Trentino (Eccher non è certo un cognome meridionale) nel cuore della Val di Non, e da Venezia. Ma la gente dell’Etna li ha accolti con grandissimi affetto e disponibilità.

È anche grazie a questo che Theresa Eccher ha potuto raggiungere obiettivi significativi, e può pensare di affermare ogni giorno di più la sua presenza nel mercato di alto livello. Il primo enologo di Theresa Eccher è stato Achille Bergami, un pavese che nella Sicilia del vino aveva avuto belle e forti esperienze e che, dopo un paio di vendemmie, è rientrato nell’Oltrepo, alla guida di una grandissima cantina di tradizioni secolari. Il suo posto è stato preso da Irene Vaccaro, grazie alla quale i vini di Theresa Eccher sono cresciuti “in forza e bellezza”, come si diceva una volta. Interamente suo è Ariel, rosato di grandissima stoffa. Ma la sua mano sapiente e sensibile si sente in tutti i vini della Maison. Lavora a stretto contatto con Salvo Giuffrida, l’agronomo che segue da sempre le vigne di Theresa Eccher. Salvo è un siciliano normanno:alto quasi due metri, biondo con gli occhi azzurri. 

Theresa Eccher segue il suo percorso iniziale: grande attenzione alla vigna, che viene lavorata in termini biologici, rispetto per le caratteristiche intrinseche delle uve, lavorazione tradizionale in cantina con utilizzo di soli prodotti naturali. I prossimi passi vedono la volontà di espandere la presenza nei mercati internazionali, che già stanno dando importanti soddisfazioni: Stati Uniti, Nord Europa, Giappone sono le mete già raggiunte da consolidare e ampliare. Aumenterà anche la produzione? Probabilmente si: ma mai scordando che per il vino è ancora vero quel che si diceva qualche anno fa per le imprese: piccolo è bello, perché ciò che conta è la qualità. Senza compromessi.

Telefono: 
Contatto aziendale: 
Daniela Conta Eccher
Anno di fondazione: 
2010
Conduzione Agronomica: 
Salvo Giuffrida
N° bottiglie prodotte: 
35.000
Servizi offerti: 
Visita su prenotazione
Viticoltura: 
Biologica
Contatti: 
S.P. 64
Solicchiata, Contrada Pontale Palino
95012 Catania

Iscriviti al podcast